Breve storia del movimento dei genitori separati in Italia

Da Affido_condiviso_howto.

In Italia il primo centro per la paternità fu l'ISP (Istituto Studi Paternità) fondato dal giornalista Maurizio Quilici. L'ISP nacque 18 anni dopo l'approvazione della legge sul divorzio all'inizio degli anni 70, il 23 febbraio 1988, con "obiettivi scientifici e culturali" in ordine alla promozione della "cultura della paternità e di tutti gli aspetti psicologici, pedagogici, sociali, biologici, storici e giuridici collegati". ISP è stata la culla di una serie di iniziative che, a partire dal 1991, si tradussero nei primi movimenti di genitori separati. Tra le prime, nell’anno 1993, quella del prof. Marino Maglietta, fisico dell'Università di Firenze, che fondò l'associazione nazionale Crescere Insieme. Il primo movimento recante la denominazione di "Associazione Padri Separati" (APS) nacque a Rimini nell'autunno del 1991, grazie all'industriale Alberto Sartini. L'anno successivo, in seguito al ritiro di Sartini, la presidenza passo allo psicologo dr. Aldo Dinacci. Sull'onda del nuovo associazionismo fu fondata anche a Napoli nel 1992 sotto la guida del prof. Bruno Schettini l'associazione "Genitori Separati" (Ge.Se.). Gli anni seguenti videro la fondazione di parecchie associazioni di padri. Nella primavera del 1994 fu fondata "Papà Separati Milano” - Associazione per la tutela dei diritti dei figli nella separazione" - sotto la guida dell'ing. Ernesto Emanuele. A Roma per contrasti fu fondata Gesef (Genitori Separati dai Figli) il cui primo presidente fu Elio Torelli;  successivamente seguirono Fabio Nestola e Vincenzo Spavone. Dal movimento di Ernesto Emanuele, il 30 aprile 1998, nacque a Napoli l'associazione "Papà Separati" (APS) fondata dal dr. Alessandro Ciardiello, che da subito si caratterizzò per una costante diffusione in tutto il territorio, divenendo ben presto Associazione Nazionale (ANPS). Nell’anno 1999 nacque l’Associazione Mamme Separate, ad iniziativa dell’attuale Presidente Rosy Genduso. Nei primi anni 2000 anche l'associazione di Bruno Schettini "Genitori Separati" confluisce in ANPS. Fino al 2005 il movimento italiano era compatto. In tempi più recenti le associazioni minori più aggressive hanno provato a imporre il loro punto di vista ai media e il movimento, per quanto forte, e' oggi frammentato tra strutture che preferiscono lavorare con un'attività di lobbying, cercando di tessere delle reti associative più coordinate, ed altre che cercano piuttosto la scena mediatica. Oggi le associazioni si dividono approssimativamente in tre gruppi:

1) ADIANTUM , cartello inizialmente formato da alcune delle associazioni tra le più importanti e storiche (tra le quali Associazione Nazionale Papà Separati, Crescere Insieme e Mamme Separate), ora formato da una dozzina di associazioni, da una cui scissione è nato nel 2012 il cartello COLIBRI' , che raccoglie altre 14 associazioni italiane (più alcuni partner esteri). Questi cartelli mirano ad unificare l’attività nazionale delle strutture dei genitori separati, al fine di poter sollecitare una più efficace azione parlamentare verso la tutela della Bigenitorialità e dei minori, nonché ad “educare” i genitori separati ad assumere comportamenti che tendano ad eliminare, in presenza di figli, la conflittualità (vedi anche Alienazione parentale ).

2) Associazioni note a livello nazionale come “Famiglie Separate Cristiane”, "Fe.N.Bi", la già citata Gesef (Roma) e "Papà Separati Lombardia".

3) Gruppi più isolati, con un comportamento veicolato principalmente attraverso i media ed associazioni minori diffuse solo a livello locale nella stessa città in cui sono state fondate.


NASCITA DI ADIANTUM

All'inizio di marzo 2008 al convegno di Valderice il dr. Vittorio Vezzetti (Figli Per Sempre, Varese) propose la costituzione di una nuova forma associativa, onde evitare l'eccessivo frazionamento delle associazioni di genitori separati. Si trattava di dar vita ad un nuovo soggetto: un associazione di associazioni che avrebbe fatto da collettore per i rapporti con media e istituzioni. Inoltre il nuovo soggetto avrebbe potuto elaborare nuove proposte di modifica normativa da sottoporre al Parlamento, oppure dare forza a quelle già presentate da altre associazioni.  La prima intesa di Valderice, inizialmente definita tra "Crescere Insieme" (Firenze), "Figli Per Sempre" (Varese) e "Papà Separati ONLUS Nazionale" (ANPS), si concretizzerà il 12 giugno 2008, durante il Simposio di Nisida, quando otto associazioni hanno firmato il protocollo di intesa sulla nascita del nuovo soggetto denominato ADIANTUM (Associazione Di Associazioni Nazionali per la Tutela del Minore). Il nome scelto, per una appropriata coincidenza, corrisponde a quello dell'omonimo genere botanico Adiantum, il quale comprende il comune Capelvenere che è riportato nel logo ufficiale. Successivamente alla adesione delle prime otto firmatarie, altre associazioni aderiranno al protocollo di intesa. Crescere Insieme successivamente uscirà dal gruppo di associazioni decise a proseguire oltre il protocollo d'intesa. 

In data 19 maggio 2009 presso lo studio legale dell'avv. Carlo Ioppoli in Roma ADIANTUM si è costituita formalmente includendo le seguenti 12 associazioni che hanno deciso di procedere alla costituzione formale: Figlipersempre (FpS) Varese; Ge.Se Foggia; Mamme Separate Como; Papà Separati Onlus Novara; Papà Separati ONLUS Nazionale, Napoli; Abige, Modena; Papà Separati Milano, Milano; Atlante, Firenze; Papà & Mamme Separati Abruzzo; Cestut, Palermo; Papà Separati, Palermo; Papà Separati, Roma.

Esse hanno eletto come primo presidente il pediatra varesino Vittorio Vezzetti. La carica dura 6 mesi e la turnazione successiva segue il criterio alfabetico. ADIANTUM, nel primo intendimento di direttivo e presidente, deve da subito estendere la sua attenzione ad una difesa dei minori anche al di fuori del pur importante campo dell'affidamento condiviso e della separazione. Nel 2012 FpS e Vittorio Vezzetti sono uscite da Adiamtum ed hanno costituito il cartello COLIBRI' insieme ad altre associazioni. Oggi (2013) non fanno più parte di Adiantum Atlante, Papà separati Milano, Papà Separati Roma, Papà Separati Palermo e Ge.Se.. Nel frattempo altre associazioni hanno aderito ad ADIANTUM l'associazione al momento conta 11 associazioni, tra queste Tu sei mi figlio Onlus, Novara e Pronto Soccorso Famiglie, Milano che si occupano più specificamente dei problemi legati alla gestione dei minori da parte dei tribunali (case famiglia). L'elenco completo delle associazioni aderenti è sul sito di ADIANTUM . Nel 2013 la denominazione è stata modificata in Associazioni di Aderenti Nazionali per la Tutela dei Minori senza modificare l'acronimo.

L'attuale consiglio direttivo è composto da Andrea Carta (segretario), Alessio Cardinale (portavoce), Giacomo Rotoli (presidente turnario), Eleonora Montanari (vice segretario), Luca Maranzana (tesoriere), Pierluigi Lo Gatto, Salvatore Di Martino, Alessandro Ciardiello, Rosy Genduso, Fabio Nestola, Giuliana Massucci e Angelo Teti. L'attuale presidenza turnaria è l'ultima in programma e terminerà il 2 novembre 2013, dopo quella data, in accordo al nuovo statuto approvato nel 2013, il presidente sarà eletto dai soci.

Visite
Strumenti personali
Pagina principale